Google controlla: Fatti “vedere” dai Motori di Ricerca con soli 5 step

Per i Motori di Ricerca la Popolarità del tuo sito è fondamentale se vuoi ottenere un buon posizionamento. La prima mossa da fare è ottimizzare il tutto con il SEO, non lasciando nulla al caso.

Spesso però ottimizzare non basta, il sito può non essere notato dai motori di ricerca oppure con l’andare del tempo le visite al sito possono ristagnare, riducendosi a 0 anche in poco tempo.

L’operazione per far rivalutare il sito dai motori di ricerca è in realtà complessa, ma una volta che tu hai ottimizzato, devi valutare per prima cosa il VALORE OTTENUTO, ovvero la posizione ottenuta nell’ambito delle query sul motore di ricerca. Sperare che “per caso” il tuo sito arrivi in prima posizione è un grave errore di valutazione, e di conseguenza sarà frustrante per te scoprire che con l’andare del tempo in realtà scende senza freni…

Perciò valuta bene il valore che hai ottenuto. Questa prima operazione è abbastanza semplice per te, devi solo digitare le parole chiavi usate per il sito e poi vedere in quale posizione sei. A questo punto hai notato che ciò che hai ottenuto probabilmente non ti soddisfa, perciò devi  operare apportando delle Modifiche, ovvero migliorare e sistemare quelle cose che con il SEO non hai potuto fare.

Ti dico subito che il risultato non è assicurato, poiché gli Algoritmi di Google sono ai più sconosciuti, e chi ti dice il contrario ti sta solo prendendo in giro. Al tempo stesso devi soprattutto fare in modo che Google aumenti la SCANSIONE DEL TUO SITO. Adesso vedremo i vari elementi uno per uno, questo per far sì di ottenere un miglior posizionamento e quindi un aumento di visite automatico.

Vediamo i 5 elementi.

1. Aumenta il PR. Operare in modo da ottenere un aumento del PageRank del sito, ovvero aumentando i link in entrata e di conseguenza la Popolarità del tuo sito.

2. Integra contenuti. L’aumento di articoli e news nel sito fa corrispondere una rinnovata attenzione dei Motori di Ricerca sul tuo sito. Non a caso il Blog è considerato fondamentale per ottenere buone posizioni nelle query. Ma attenzione, deve essere continuamente aggiornato.

3. Evita testi duplicati. Sai che devi scrivere e poi scrivere, ma attenzione. Il caro Google non vuole contenuti duplicati, non ne ha bisogno visto che qualcun altro li ha già scritti! Devi creare articoli e testi nuovi di zecca, altrimenti otterrai l’effetto contrario, venendo poi addirittura penalizzato dai Motori.

4. Aumenta la velocità. La velocità di caricamento delle pagine è un elemento spesso sottovalutato, ma quando gli Spider di ricerca approdano al tuo sito, valutano anche la velocità con cui il tuo sito si carica, e tempi troppo lunghi ti penalizzano. Utilizza tecniche varie come ad esempio le dimensioni della pagina, la presenza e misura delle foto, la validità dei Pop-up etc, per far aumentare la velocità di caricamento.

5. Usa la Sitemap. Se non hai una SiteMap è bene che la costruisca. Essa è in realtà un elenco completo delle tue pagine, che potrai in questo modo far notare ai vari Motori di Ricerca. È molto utile se hai bisogno di farti vedere, o se hai pochi link in entrata. Utilizza sia la xml che quella html, la più importante è la xml.

Adesso puoi far si di essere notato davvero e così non avrai nessun problema d’ora in poi. Segui attentamente i miei consigli, i risultati arriveranno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.