Differenza tra USB 2.0 e USB 3.0

I jack e le porte USB (Universal Serial Bus) sono strumenti che consentono di collegare periferiche al tuo computer, tastiere, dischi rigidi esterni o chiavi di archiviazione.

I numeri che seguono il simbolo USB corrispondono semplicemente alla versione dello standard USB in questione, mentre le serie 3.0 e 3.1 sono le più recenti al momento in cui queste righe vengono scritte.

Oltre al colore dei loro connettori (la versione 3.0 è solitamente blu), è la velocità del trasferimento dei dati che è la principale differenza tra questi due standard.

Pertanto, lo standard USB 2.0, introdotto nel 2000, ha permesso di garantire una velocità di trasferimento molto superiore a quella dello standard precedente: da 1,5 MB al secondo a 60 MB teorici! USB 3.0, apparso nel 2008, ha moltiplicato questa velocità di trasferimento di 10, raggiungendo il tasso teorico di 625 MB al secondo!

Fai attenzione, se la compatibilità con le versioni precedenti è supportata nel caso di prese USB 3.0 (ovvero, il tuo dispositivo con una porta USB 3.0 funzionerà sul tuo computer con prese USB 2.0), la velocità di trasferimento rimarrà bloccata agli standard 2.0 …

Standard USB:

Già nel 1995, lo standard USB è stato sviluppato per collegare un’ampia varietà di dispositivi.

Lo standard USB 1.0 offre due modalità di comunicazione:
12 Mb / s in modalità ad alta velocità.
1,5 Mb / s a ​​bassa velocità.

Lo standard USB 1.1 fornisce alcuni chiarimenti ai produttori di dispositivi USB, ma non modifica la velocità in bit.

Lo standard USB 2.0 offre velocità fino a 480 Mbit / s.

Lo standard USB 3.0 offre velocità fino a 4,8 Gbps.

In assenza di un logo, il modo migliore per determinare se si tratta di dispositivi USB a bassa o alta velocità è consultare la documentazione del prodotto purché i connettori siano gli stessi.

La compatibilità tra i dispositivi USB 1.0, 1.1 e 2.0 è assicurata. Tuttavia, l’utilizzo di un dispositivo USB 2.0 su una porta USB a bassa velocità (ad esempio 1.0 o 1.1) limiterà la velocità in bit a 12 Mbps. Inoltre, il sistema operativo potrebbe visualizzare un messaggio che spiega che il flusso sarà limitato.

Porta USB:

Esistono due tipi di connettori USB:
I cosiddetti connettori di tipo A, la cui forma è rettangolare e generalmente utilizzata per dispositivi con larghezza di banda ridotta (tastiera, mouse, webcam, ecc.);
I cosiddetti connettori di tipo B, la cui forma è quadrata e utilizzata principalmente per dispositivi ad alta velocità (dischi rigidi esterni, ecc.).

Descrizione: connettori USB tipo A e tipo B

1. Potenza + 5 V (VBUS) massimo 100 mA
2. Dati (D-)
3. Dati (D +)
4. Massa (GND)

Funzionamento del bus USB

L’architettura USB ha la caratteristica di fornire energia alle periferiche che collega, fino a un massimo di 15 W per dispositivo. Utilizza un cavo composto da quattro fili (massa GND, alimentazione VBUS e due cavi dati chiamati D- e D +).

Descrizione: il cavo USB

Lo standard USB consente il concatenamento di dispositivi, utilizzando una topologia a bus o a stella, e possono quindi essere collegati uno dopo l’altro o ramificati.

La ramificazione viene eseguita utilizzando box chiamati “hub”, con un singolo input e diverse uscite. Alcuni sono attivi (forniscono energia elettrica), altri sono passivi (alimentati dal computer).

Descrizione: topologia bus delle porte USB
Descrizione: topologia a stella delle porte USB

La comunicazione tra l’host (il computer) e le periferiche viene eseguita secondo un protocollo (linguaggio di comunicazione) basato sul principio del token ring. Ciò significa che la larghezza di banda viene condivisa temporaneamente tra tutti i dispositivi collegati. L’host (il computer) invia un segnale di avvio della sequenza ogni millisecondo (ms), un intervallo di tempo durante il quale darà simultaneamente il “linguaggio” a ciascuno di essi. Quando l’host vuole comunicare con un dispositivo, invia un token (un pacchetto di dati, contenente l’indirizzo del dispositivo, codificato su 7 bit) che designa un dispositivo, quindi è l’host che decide il “dialogo” con le periferiche. Se il dispositivo riconosce il proprio indirizzo nel token, invia un pacchetto di dati (da 8 a 255 byte) in risposta, altrimenti inoltra il pacchetto ad altri dispositivi collegati. I dati così scambiati sono codificati secondo la codifica NRZI. Poiché l’indirizzo è codificato a 7 bit, 128 dispositivi (2 ^ 7) possono essere connessi simultaneamente a una porta di questo tipo.

Spero di essere stato chiaro riguardo le differenze tra USB 2.0 e USB 3.0…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.